mercoledì 16 novembre 2016

Darla & Daniel #9

Pubblico il proseguo della storia di Darla & Daniel senza tante cerimonie.
Buona lettura


- Capitolo 9 -

Quando Darla giunse alla villa dei Barlington, Cal si stava leccando le zampe sul patio. Era ovvio che non sarebbe potuta entrare dalla porta principale, e Cal le suggerì di arrampicarsi sull’albero dell’ala est dove c’era una finestra semi-aperta.
“Accidenti che fortuna!” si trovò ad esclamare sollevata.
La sua agilità era nota a pochi perché non si era mai messa in mostra, abituata com’era a stare in disparte.
Tuttavia, a forza di vedere come un gatto, era diventata più audace, pur mantenendo alta la soglia di vigilanza e prudenza.
La condivisione con Cal non faceva che rendere più forte la convinzione che la mente può superare ogni limite, a patto di saperla usare.
Entrata in villa, rimase incantata e catturata dai disegni appesi alle pareti della camera di uno dei fratelli di Daniel. Sembrava che la notte fosse calata in un istante. Il soffitto era un vero e proprio planetario affrescato. I paesaggi lunari in bianco e nero rivelavano un autentico talento, per non parlare delle nebule dipinte sopra la testata del letto, che proiettavano in orbita. Chiunque avrebbe pensato di aver messo piede nell’universo anziché in una semplice camera da letto.
Quasi come in un sogno, faticò a mantenere la concentrazione sul vero obiettivo: la soffitta.
La casa era arredata splendidamente, con un’atmosfera avvolgente e calorosa. Difficile non farsi coinvolgere; tutto in quella casa aveva un non so che di straordinario.
“Vai in soffitta! Sbrigati Darla!” riecheggiò una voce nella sua mente.
Si diresse all’ultimo piano, per imboccare la scala della soffitta, grande quasi quanto il piano terreno della casa. Era tutto pulito ed ordinato, e le cose dei precedenti proprietari erano state tutte dismesse, senza eccezioni. Con un leggero nodo allo stomaco, per paura di non trovare più quanto nascosto anni addietro, si diresse all’estremità opposta della soffitta, verso il nascondiglio. I suoi occhi scorrevano da un punto all’altro per memorizzare il più possibile la disposizione dei nuovi mobili. Difronte a lei vi era uno specchio a muro a grandezza uomo, intarsiato nella cornice, con alcune incisioni che potevano risalire al XVIII secolo.
Darla avrebbe voluto avere una macchina fotografica per poterle decifrare con calma. Nel rimuoverlo dalla parete mise tutta l’attenzione possibile per evitare che potesse anche solo incrinarsi. Sentì una fitta alla schiena per lo sforzo.
Dietro, una parete dipinta male. Il cuore le batteva nel petto, la paura si fece sentire per la prima volta nella sua vita.
Lo avevano già trovato? 
... to be continued ...

All rights reserved
(Tutti i diritti riservati)

6 commenti:

  1. Sempre più misterioso. Darla troverà quello che cerca o troverà solo indizi nuovi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Darla deve stare attenta a non farsi beccare con le mani nella marmellata cara Pat :D
      Vedremo. Spero di continuare a breve.
      Un bacione!
      Marina

      Elimina
  2. Suspense... Un giorno faremo incontrare Darla e Luisa nell'una o l'altra di queste dimensioni parallele ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai dire mai Ivano, esistono i portali spazio-tempo ;)
      Alla prossima.
      Marina

      Elimina
  3. Mamma mia che tensione! Sono curiosa di conoscere come prosegue questo bellissimo racconto.
    Complimenti, cara Marina. ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Verbena mi fa piacere che ti stia coinvolgendo :)
      Un bacione!
      Marina

      Elimina

I commenti verranno pubblicati in differita. E' stata disattivata l'opzione Anonimo per evitare lo spam.