sabato 12 novembre 2016

Darla & Daniel #8

Credo che i disegni arriveranno tutti d'un colpo e forse alla fine della storia.
Per il momento questo è quello che esce dalla penna stilografica ;)

 - Capitolo 8 -

Darla era rimasta turbata dalla possibilità di essere stata scoperta da Daniel nel suo giardino. Sarebbe stato difficile spiegargli quello che provava, e aveva paura che lui non avrebbe compreso il suo stato d’animo.
“Perché mi guardi così Cal?”
Il gatto inclinò leggermente la testa e cominciò a fare le fusa mentre la guardava fermo sulle zampe posteriori. Era il suo modo per riprendere con dolcezza Darla quando faceva qualcosa non propriamente giusta, e la invitava alla riflessione.
Il dubbio di aver fatto una cosa inopportuna che avrebbe potuto metterla in cattiva luce o peggio di essersi esposta a una possibile denuncia penale, non l’aveva sfiorata minimamente, e Cal cercava di farglielo capire a modo suo.
“Si, forse hai ragione tu Cal! Se avessi beccato Daniel nel mio giardino di notte, avrei pensato subito ad uno stalker”.
Tanto poco bastava per comprendersi: uno sguardo! Perché non funzionava allo stesso modo con gli esseri umani? Il legame con Cal trascendeva tutte le leggi di natura, ed era un segreto che stava diventando sempre più difficile da tenere al sicuro, soprattutto ora che Daniel era entrato nella sua vita.
Sulla soglia di casa, gettando lo sguardo oltre il bosco senza tempo, e inspirando a pieni polmoni l’aria carica di neve, che di lì a poco sarebbe scesa, decise di bigiare scuola e andare a recuperare ciò che le apparteneva nella ex villa degli Smith.
“Cal ho bisogno di te” sussurrò mentre si infilava i guanti di pelle nelle mani.
Cal comparve al suo fianco, e attese la destinazione della missione. Darla fece cenno in direzione della villa dei Barlington, e lui s’incamminò in avanscoperta con passo felpato e sicuro.
Darla aveva una strana adrenalina in corpo dopo quello che era successo l’altra notte, e non riuscì a trattenere un sospiro di ansia, poiché sapeva del rischio cui andava incontro.
 “Sto arrivando Cal” disse appena vide attraverso i suoi occhi che la villa era deserta, e si mise a correre per arrivare il prima possibile sul posto, non conoscendo gli impegni e le abitudini degli altri famigliari di Daniel.
.. To be continued...
Riepilogo della puntate precedenti:



All rights reserved
(Tutti i diritti riservati)



6 commenti:

  1. Tranquilla, che ti si segue volentieri anche così, senza disegni ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere saperlo Ivano!
      Grazie :)
      Alla prossima
      Marina

      Elimina
  2. Ciao Marina, riesco ad arrivare solo oggi e ne leggo due di seguito. :)
    Cal... cal non è un semplice gatto, dai.. Cal è molto di più per mio conto. Sotto la sua pelliccia si cela un'entità diversa e importante. Uno spirito buono :)


    Passo al numero 9

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo Pat che Cal è uno spirito buono ... con pelliccia :D
      I gatti non sono solo animali, sono molto di più, tutti i gattofili lo sanno ;)
      Un abbraccio
      Marina

      Elimina
    2. Sì, lo so, ma io intendevo qualcosa di ancora più... forte.. :) una maga, un'anima protettrice reincarnata in un gatto...
      Lascia perdere... son fusa più del solito ultimamente! ahahahahah

      Elimina
    3. Beh è un legame forte, che potrebbe portare anche a questa conclusione, ma non volevo fare un racconto spiritico, anche se l'argomento è sicuramente interessante ;)
      Baci
      Marina

      Elimina

I commenti verranno pubblicati in differita. E' stata disattivata l'opzione Anonimo per evitare lo spam.