venerdì 3 febbraio 2017

Darla & Daniel #11

Un altro episodio della storia di Darla e Daniel, questa volta senza disegni perché non ho avuto tempo di farne di nuovi.
Qui il precedente riepilogo per sapere dove eravamo rimasti ;)
Buona lettura!

- Capitolo 11 -
Era ancora immersa nei ricordi quando sentì dei rumori al piano terreno. Qualcuno della famiglia Barlington era rincasato. Mise il pugnale nella borsa di pelle che aveva a tracolla e decise di scendere al piano inferiore per poi uscire dalla finestra della camera di Daniel, che nella fretta lasciò aperta. Cal l’aveva preceduta.
Nonostante il ritrovamento Darla non era affatto serena. Il pugnale doveva giacere in una casa; questo si era raccomandata sua mamma. Una leggenda raccontava che il pugnale doveva stare in un ambiente domestico, con un nucleo famigliare composto da almeno un discendente maschio fino al giorno dell'appartenenza. In mancanza doveva essere riposto in una casa abbandonata in un luogo il più possibile vicino al cielo, quindi in una soffitta, o in una casa sugli alberi.
Perché allora lo aveva prelevato da casa Barlington?
Mamma le aveva detto che al compimento del suo diciottesimo compleanno il pugnale le sarebbe appartenuto per sempre e ne avrebbe scoperto tutte le potenzialità, purché ne fosse entrata in possesso tre giorni prima. 
Samanta ed il suo gruppo lo volevano disperatamente, e avevano rapito Cal per usarlo come merce di scambio. Piano andato a monte a causa della furbizia del felino che aveva prontamente avvisato Darla, ed era riuscito a sottrarsi alle loro grinfie. Da quel giorno, Darla si sentiva pedinata e temeva che presto casa Barlington sarebbe stata presa d’assalto ed era in ansia per l’incolumità della famiglia di Daniel.

Non sapeva fino a che punto Samanta si sarebbe spinta, ma conosceva bene la sua indole e di cosa era capace. Tanto bastava. 
... to be continued ...
All rights reserved
(Tutti i diritti riservati)

4 commenti:

  1. Ah ah! Chi la fa l'aspetti. Per la prima volta sto sperimentando con la tua storia il senso di sospensione in cui io lascio tutti con la mia. Ma è comunque una sensazione in cui la piacevolezza prevale sull'insoddisfazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì e generalmente non si vede l'ora di poter leggere il seguito :)
      Allora possiamo dire che è una buona sospensione Ivano ;)
      Mi fa piacere che continui a seguire la storia.
      Alla prossima!
      Marina

      Elimina
  2. Sempre più misteriosa.... chissà quale segreto avrà da rivelare quel pugnale 😊
    Brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora dovrò sperimentare un po' .... ;)
      Grazie Pat!
      Baci
      Marina

      Elimina

I commenti verranno pubblicati in differita. E' stata disattivata l'opzione Anonimo per evitare lo spam.