mercoledì 22 febbraio 2017

Darla & Daniel #13

Nuovo episodio di Darla & Daniel, correlato con foto prese dal web.
Per il momento è così :P
Buona lettura!

Foto dal Web: Castello di Beinette in prospettiva
- Capitolo 13 -
La seconda casa, quella della famiglia Waters, era anch’essa abitata e distava circa due chilometri dalla prima. Una bella camminata.
Darla vi giunse alle sette di sera. Sapeva che doveva sbrigarsi perché la casa sul fiume, terza ed ultima tappa, sarebbe divenuta inaccessibile a partire dalle nove di sera, e non aveva intenzione di fare incontri inquietanti.
I Waters avevano tre figli maschi, tra i 7 ed i 10 anni, tipica fascia di età da esploratori. L’ultima cosa di cui aveva bisogno era una caccia al tesoro scatenata dalla curiosità di tre piccole pesti. Willy, Bradley e David li conosceva da molti anni, e sapeva di poter contare su di loro nel tenere a bada le tre streghe che le stavano alle costole. Doveva solo trovare le parole giuste per non accendere eccessivamente la loro curiosità, altrimenti le si sarebbe ritorta contro. Willy fu il primo ad andarle incontro sul viale di ingresso. Per Darla aveva sempre un sorriso e un abbraccio, conditi da tanto entusiasmo.
“Mammaaaa, guarda chi è venuto a trovarci?”
I due fratelli più piccoli solitamente uscivano urlando dalla felicità. “Yeahhh yeahh” e si aggrappavano ognuno ad una gamba. Sapevano che Darla portava sempre con sé cose strane, storie mai sentite, e segreti da custodire. Insomma era una del gruppo, era una di loro.
“Ciao Darla, da quanto non venivi a trovarci!” – Denise l’accolse con in mano uno strofinaccio della cucina. Sorrideva mentre si asciugava le mani immerse fino a pochi minuti prima nell’acqua fredda. Il tocco con la sua pelle fresca le ricordò sua madre, anche lei aveva l’abitudine di lavare i piatti a mano.
“Ciao Denise, sono solo di passaggio a dire il vero. Devo sistemare delle cose entro sera”, disse guardandola dritto negli occhi. La vecchia e cara amica di mamma, colse al volo l’allusione al pugnale senza bisogno di nominarlo. Entrarono in casa e parlarono per almeno tre quarti d’ora. Quando la riaccompagnò al cancello di ingresso la rassicurò sulla loro collaborazione, soprattutto dei ragazzi che in fatto di inventiva sui depistaggi non avevano concorrenti.
Alla terza casa arrivò con il fiatone. La casa sul fiume era abbandonata da molti anni, ed era più grande rispetto alle due precedenti. Constava di 52 stanze disposte su tre piani, con un sottotetto al quarto piano diviso in tre sezioni, la sua meta.

Foto dal web: Castello di Beinette
Al piano terreno, dove non ristagnava dell’acqua, alcuni animali avevano creato la loro tana. Le scale per accedere ai piani superiori erano marcie e traballanti, e giungere in soffitta incolumi era praticamente un miracolo. In una parola era un’impresa pericolosa, e nella malaugurata ipotesi di un’incidente, chi l’avrebbe mai trovata? Non aveva condiviso le sue mete con nessuno, neppure con suo padre, e Daniel non lo sentiva da giorni. In quella casa fatiscente, la sua mancanza si fece più forte, sia fisicamente sia mentalmente, e per un istante tutto si fece più difficile ed oppressivo. Lo avrebbe rivisto presto, doveva solo resistere altri due giorni. Il preludio di un incontro che le diede un senso di liberazione immediata, come se avesse due ali per poter spiccare in volo.
... to be continued ...
All rights reserved
(Tutti i diritti riservati)



6 commenti:

  1. Ciao Marina. Procede davvero bene questa blog novel. Sempre più misteriosa e intrigante.
    Quel pugnale.... quante storie racconterebbe se potesse parlare..
    Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì e prima o poi lo vedremo in azione!
      Buon inizio settimana (nuova)
      Marina

      Elimina
  2. Concordo con Patricia! Sta procedendo davvero bene e ... ci tiene con il fiato sospeso.
    Un abbraccio
    Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :)
      Sono contenta che ti sei aggiunta tra i lettori fissi.
      Un abbraccio
      Marina

      Elimina
  3. Stavo per perdermi questa puntata...
    Immagino che la casa riserverà delle belle sorprese alla nostra Darla ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse ;)
      Arriverà presto un nuovo episodio, anzi l'ho appena pubblicato ^-^
      Marina

      Elimina

I commenti verranno pubblicati in differita. E' stata disattivata l'opzione Anonimo per evitare lo spam.